Return to top
Ripartiamo dalle idee!
Ripartiamo dalle idee!

Condividi su

Data

06 maggio 2020

Ripartiamo dalle idee!

Le possibilità offerte dalla tecnologia possono contribuire a migliorare la qualità della vita, la produttività delle aziende, l’efficienza dei trasporti.

Stiamo vivendo settimane complicate ma è proprio in questi momenti che la creatività può essere un modo per sentirci vicini anche se siamo isolati nelle nostre case e uno potentissimo strumento di reazione e ripartenza.


NOVITÁ! 

Scopri la radio di Antares Vision, clicca qui per ascoltare questo articolo:

English Version - Italian Version


 

Da qui nasce la “Call for Ideas” lanciata a fine marzo che ha chiesto ai dipendenti di Orobix e Antares Vision di cimentarsi nell’ideazione di servizi innovativi basati sui dati e sull’intelligenza artificiale. Servizi orientati alla salute e al benessere del cittadino elementi di base delle future smart cities, città intelligenti che usano le possibilità offerte dalla tecnologia per migliorare la qualità della vita, la produttività delle aziende, l’efficienza dei trasporti.

Call for Ideas

Servizi che trasformano i dati provenienti da sensori biometrici e ambientali in azioni intelligenti e utili alla nostra quotidianità, alla gestione di una malattia cronica, alla prevenzione attiva realizzata tramite una corretta nutrizione e un’adeguata attività fisica.

Le 36 proposte presentate si concentrano su questi temi unendo assunti scientifici e aspetti social, proponendo l’utilizzo di algoritmi di intelligenza artificiale per la realizzazione di servizi realmente personalizzati, creati a partire dai dati specifici dell'utente e arricchiti dall’esperienza collettiva messa a disposizione dagli altri cittadini.

Il voto dei partecipanti ha premiato un’idea legata al monitoraggio del sonno per la prevenzione di disturbi respiratori, elaborata da Federica Moretti, Data Scientist di Orobix mentre il premio della giuria per l’idea più visionaria è andato a Federico Gemmi, Field Engineer di Antares Vision che ha proposto un sistema per creare una mappa virtuale della distanza fra le persone calcolata sulla base di parametri non fisici, come lo stato emotivo.

Al di là del risultato finale del contest, resta la consapevolezza che innovare e coltivare la creatività all’interno delle nostre aziende è l’unico modo per restare competitivi e che è dalle idee e dalle persone che con entusiasmo si mettono in discussione, che si può ripartire anche in questo momento di profondo cambiamento.

Commenti

Nessun commento. Inserisci il tuo commento!

Lascia un commento a questo articolo

preloader