Return to top
Ispezione: La strategia vincente per evitare e attenuare i rischi per le catene di fornitura sostenibili
Ispezione: La strategia vincente per evitare e attenuare i rischi per le catene di fornitura sostenibili

Condividi su

Data

05 febbraio 2020

Ispezione: La strategia vincente per evitare e attenuare i rischi per le catene di fornitura sostenibili

Ispezione: La strategia vincente per evitare e attenuare i rischi per le catene di fornitura sostenibili

Avete mai pensato che il cibo e le bevande possano essere pericolosi e che le pillole o i dispositivi medicali possano uccidervi anziché curarvi?

NOVITÁ! 

Scopri la radio di Antares Vision, clicca qui per ascoltare questo articolo:

English Version - Italian Version


 

I richiami dei prodotti a livello globale aumentano di anno in anno, in particolare nei settori degli alimenti industriali e dei medicinali, non solo a causa di contaminazione ma anche per misure precauzionali.

Ispezione: La strategia vincente per evitare e attenuare i rischi per le catene di fornitura sostenibili

Qualsiasi cosa può compromettere l'integrità: ingredienti, materiali, ambiente fisico, contenitori e condizioni per la conservazione e trasporto rappresentano gli elementi più problematici, prima ancora di affrontare il concetto di contraffazione

Un richiamo può facilmente distruggere l'immagine di un'azienda nel lungo termine, è sufficiente che un utente finale presenti la richiesta digitale con un click. Secondo le stime di iso.org, il richiamo di un prodotto può arrivare a costare in media a una singola azienda anche 10 milioni di dollari e circa l'87% delle persone acquisterebbero prodotti da aziende in grado di gestire i rischi associati ai richiami.


Come tenere dunque la vostra azienda fuori dalla lista nera dei richiami?
 Considerate che le catene di fornitura sono le prime responsabili e che ogni aspetto deve essere analizzato per poter affrontare il problema alla radice.

Naturalmente si inizia:

  1. implementando gli standard di qualità relativi ai richiami dei prodotti e alla sicurezza, come ISO 10393 e ISO 10377,
  2. attenendosi ai regolamenti, in particolare relativi alla sicurezza di prodotti alimentari e farmaceutici, e adottando le buone pratiche, come quelle relative all'igiene (GHP) e alla fabbricazione (GMP), e l'Analisi dei rischi e dei Punti di controllo critici (HACCP) nonché
  3. eseguendo i test e le verifiche di routine per mantenere un controllo continuo sulla sicurezza dei prodotti destinati ai consumatori finali.

Questo processo di convalida della qualità tuttavia non è ancora sufficiente, perché i richiami si verificheranno anche in presenza delle migliori pratiche di qualità e sicurezza, a causa della contaminazione o delle misure cautelative menzionate sopra.

Questo aspetto è attualmente più facile da controllare grazie a un ecosistema digitale, dove la trasparenza è primaria e le informazioni sui prodotti accessibili in qualsiasi momento. La tracciabilità è utile per seguire il prodotto durante tutto il suo ciclo di vita. La direzione è giusta ma si tratta solo di un passo in avanti; in questa fase infatti non è ancora possibile garantire un'analisi di richiamo precisa per stabilire dove e quando il problema si è verificato, poiché quest'ultimo non è collegato solo al processo di tracciatura.

In realtà quello che serve è una strategia complementare che comprenda l'ispezione al fine di ridurre, se non evitare del tutto, i richiami dei prodotti e la violazione della sicurezza. Negli ultimi anni si è assistito alla diffusa tendenza a utilizzare macchinari di ispezione automatizzati nel settore farmaceutico. Questi macchinari sfruttano attualmente molte tecnologie per l'ispezione visiva al fine di individuare perdite, corpi estranei e difetti estetici. Possiamo citare l'Intelligenza Artificiale e le tecniche di apprendimento automatico, le tecnologie NIR e a raggi X, nonché il test di integrità della chiusura dei contenitori (CCIT) per dare priorità ai metodi deterministici non distruttivi. Il CCIT è considerato un requisito normativo da FDA e USP, in quanto controlla prodotti sterili e sicuri evitando perdite e riducendo quindi la contaminazione e la perdita di qualità del farmaco.


Una catena di fornitura sostenibile si basa su tre principi fondamentali - visibilità, tracciabilità e controllo e ispezione della qualità - volti a ridurre al minimo gli effetti di eventuali richiami dei prodotti e garantire la sicurezza dei pazienti a livello globale.


Restate aggiornati sulle ultime tendenze che potrebbero intralciare la vostra catena di fornitura.

Commenti

Nessun commento. Inserisci il tuo commento!

Lascia un commento a questo articolo

preloader